LA STORIA

Il Castello di Grumello è una dimora di origine medioevale al centro di una tenuta vitivinicola nel cuore della Valcalepio, fascia collinare tra Bergamo e il lago d’Iseo. Nato nel 1200 come fortezza militare dotata di una torre d’avvistamento, data la sua posizione strategica divenne, successivamente, residenza del condottiero Bartolomeo Colleoni durante gli scontri fra la Repubblica di Venezia e il Ducato di Milano. Di questa epoca rimangono la torre, con merlatura guelfa, la sala del corpo di guardia con volta a crociera, le prigioni e le grandi cantine dal soffitto a volta, dove ora maturano i vini della Tenuta Castello di Grumello.A partire dal 1700 il Castello fu trasformato in residenza patrizia dallo stile semplice e austero, gli antichi spalti divennero una corte circondata da una corona di ippocastani secolari e il complesso venne arricchito da una cappella privata ricca di stucchi e vetri colorati. Da allora è stato proprietà di diversi nobili casati: i conti Suardo, i marchesi Del Carretto, i principi Gonzaga di Vescovado. Dal 1953 appartiene alla famiglia Reschigna Kettlitz di Milano, che ha dato nuovo impulso alla tradizione vinicola del territorio di Grumello con la produzione di vini di grande qualità. Il Castello e le sue Cantine sono socie del Movimento Turismo del Vino.

 

Iscriviti alla Newsletter